MARZO

Questa città è "dipinta" di suoni, e la musica ne è un elemento essenziale.

John Turturro su Napoli.

Marzo. Salvatore Di Giacomo.

Marzo: nu poco chiove
e n'ato ppoco stracqua,
torna a chiòvere, schiove,
ride 'o sole cu ll'acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n'aria cupa e nera,
mo d' 'o vierno 'e tempeste,
mo n'aria 'e primmavera.

N'auciello freddigliuso
aspetta ch'esce o sole,
ncopp' 'o tterreno nfuso
suspirano 'e viole…

Catarì, che vuò cchiù?
Ntienneme, core mio,
marzo, tu 'o ssaje, si' tu
e st'auciello song' io.

Marzo: un poco piove
poi cadono rade gocce
torna e piovere e spiove
ridono il sole con l'acqua.

Ora il cielo è celeste
ora l'aria cupa e nera
ora tempeste d'inverno
ora un'aria di primavera.

Un uccello infreddolito
aspetta ch'esca il sole,
e sulla la terra bagnata
sospirano le viole…

Catarì, che vuoi ancora?
Capiscimi, cuore mio,
marzo, lo sai, sei tu
e quell'uccello son'io.

Marzo è una poesia di Salvatore Di Giacomo scritta nel 1892, e musicata da Mario Costa nello stesso anno con il titolo di Catarì.

In "Passione" di John Turturro, il film del 2010 dedicato alla città di Napoli ed al suo patrimonio musicale, di cui vi consigliamo caldamente la visione, Marzo/Catarì è eseguita da Fausto Cigliano all'interno del complesso del Pio Monte della Misericordia, all'ombra della meravigliosa tela del 1607 dedicata alle Sette opere di Misericordia corporale di Michelangelo Merisi, il Caravaggio.

Diffuse notizie sulla canzone "classica" napoletana ed il Museo della Canzone Napoletana di Calvello in
http://cronologia.leonardo.it/biogra2/canznap1.htm

Vi proponiamo questa pura delizia di primavera in due versioni: una splendida e contemporanea di Massimo Ranieri; ed una di Roberto Murolo, sensibilissimo ed amatissimo interprete della canzone "classica" napoletana.