LA CURA

Franco Battiato e Manlio Sgalambro,1996.

Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore,
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
ed io, avrò cura di te.
Vagavo per i campi del Tennessee
(come vi ero arrivato, chissà).
Non hai fiori bianchi per me?
Più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.

Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza.
Percorreremo assieme le vie che portano all'essenza.
I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d'agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto.
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce per non farti invecchiare.
Ti salverò da ogni malinconia,
perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te...
io sì, che avrò cura di te.

Un omaggio a Franco Battiato ed a tutti coloro nati in prossimità dell'equinozio di primavera, che in questa parte del mondo segna l'ingresso del sole nel segno dell'Ariete, il rinascere della bella stagione, il rinnovamento del creato in avvicinamento a luce e calore.
Alle persone in ricerca, desiderose e capaci di spostare più in là i limiti del mondo conosciuto, che oltre quelle frontiere amano indagare per riportarne ispirazioni e realizzazioni.
Ed in omaggio alla lunga e feconda amicizia e collaborazione del poliedrico artista siciliano con Manlio Sgalambro da Lentini, filosofo, scrittore, poeta, paroliere, librettista e co-sceneggiatore dei tre film di Battiato regista, in viaggio verso altri mondi da alcuni pochi giorni.
Saluteremo in modo particolare la nostra amatissima Alda Merini, nata il 21 di marzo, la prossima settimana.
Crediamo inoltre sia questa straordinaria poesia-canzone un invito a dedicare a qualcun altro amorevole cura, così come a noi stessi nel dialogo fra sé e sé.

Incontri con uomini straordinari

Incontri con uomini straordinari è un lungometraggio del 1979, ideato e diretto dal grandissimo regista teatrale e cinematografico Peter Brook, nato a Londra il 21 marzo 1925, dalle molte primavere, a cui facciamo i nostri auguri. E' tratto dall'omonimo romanzo di Georges Ivanovič Gurdjieff, il cui pensiero Franco Battiato studia da più di trenta anni. Il film è stato girato fra il 1976 e il 1979 in Afghanistan. Racconta della prima parte della vita di Gurdjieff attraverso alcuni momenti chiave, incontri con maestri spirituali ed idee che contribuiranno alla sua dottrina. Durante la fase preparatoria e le riprese, Brook fu costantemente affiancato da una delle principali discepole ed eredi del suo pensiero, Madame Jeanne de Salzmann. Sono presentati nella pellicola alcuni movimenti di danze sacre, fondamentali dell'insegnamento della Scuola di Gurdjieff. www.youtube.com/watch?v=nnZOUSV7AAY

Per George Gourdjeff http://www.cesnur.org/religioni_italia/g/gurdjieff_01.htm
Per Alejandro Jodorowsy http://it.wikipedia.org/wiki/Alejandro_Jodorowsky
Per Peter Brook http://it.wikipedia.org/wiki/Peter_Brook

Segnaliamo inoltre di Franco Battiato, Auguri don Gesualdo, Docufilm sul poeta Gesualdo Bufalino, in DVD con libro, Collana Grandi asSaggi, Bompiani 2010.

Vi invitiamo inoltre a seguire la poetica festa in corso a Pavia, fino al 31 marzo: http://twitteratura.it/pavia-in-poesia/
E sabato 22 il festival "Europa in versi" a Villa del Grumello a Como: www.lacasadellapoesiadicomo.it

Felice 21 marzo, giornata mondiale della poesia Unesco!

Per il film Perduto amor, sceneggiato come i successivi con Sgalambro, che qui compare nello spezzone, Battiato ha meritato il Nastro d'argento 2004 per la migliore regia esordiente.
Musikanten è incentrato sulla vita del compositore tedesco Ludwig van Beethoven, interpretato nel film da Alejandro Jodorowsky. È stato presentato nella categoria Orizzonti alla 62ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia del 2005. Ad esso seguirà Niente è come sembra, in anteprima nel 2007 al Festival del Cinema di Roma.