Scopri le altre tavole »

Inseguimento

Valentina Lattuada recita..

Inseguimento!

Sono nel cuore della città vecchia:
cerco il posto della festa, un indirizzo
scritto a mano su di un foglino.

Il tipo fuori da quel bar ha iniziato a minacciarmi violentemente senza motivo. Con lui i suoi amici inquietanti.  

Mi inseguono! scappo! corro veloce tra i vicoli. Il mio ansimare interrompe il silenzio notturno, le ombre gridano scappa, scappa... Piombo in una piazzetta che si apre di fronte a me.

Prendo veloce una scala in pietra e mattoni che sale ripida a ridosso di una casa. Salgo e salgo.

Sfocio in un terrazzo deserto, abitato da grandi vasi contenenti rigogliosi alberi di ulivi e limoni. Il terrazzo si affaccia inesorabile sul mare: non ho vie d’uscita.  

La luna piena illumina la scena. Com’è bella! Il cellulare suona nella mia tasca: adesso capiranno che sono qui! Rispondo ansimante. È la sua voce.

-Finalmente sei qui. Voltati adesso.  

Mi giro e da dietro gli alberi esce il mio amore. -Non volevo fosse un compleanno qualunque, mi dice guardandomi negli occhi. Il mio cuore ora batte forte ma non più per il terrore.

Ci abbracciamo ed iniziamo a danzare.